Archivi categoria: Personale & deviazioni

Ricomincia la stagione

Con gennaio ogni anno ricomincia la stagione: Supercross in primis e tutto quello che gli va dietro. A parte le gare, che in questo periodo sono concentrate sulla Costa Ovest per cui per me è più facile seguirle, ho anche tutti gli impegni per GIVI. A inizio febbraio sarò con GIVI USA ad una convention molto importante ad Indianapolis, poi devo volare in Vietnam per un matrimonio prima di tornare e fotografare il Supercross di Atlanta per Moto.it.

A proposito, ho definitivamente tagliato i ponti con la capitale della Georgia (per chi sa cosa intendo). Atlanta mi rimarrà sempre nel cuore ma la mia base principale è di nuovo la California, dove tra l’altro vado in moto tutti i giorni, anche in pieno inverno, con maglietta e giubbottino di pelle…

Da quest’anno Daniele Sinatra mi aiuta nella gestione del sito MXTribe.com (www.mxtribe.com) per cui ho deciso di riattivarlo e ridisegnarlo da zero, andategli a dare un’occhiata se avete 5 minuti.

Finalmente ho comprato un drone DJI e comincerò ad esplorare le possibilità che questa tecnologia offre, sia per le foto che per i video. Questo sabato volevo già usarlo per seguire una garetta a cui mi ero iscritto in Baja California a Tecate, ma all’ultimo momento ho deciso di andare a seguire il Supercross a Glendale in Arizona, per cui il debutto del drone è rimandato a data da destinarsi.

Altra novità è che il settimanale americano Cycle News mi ha chiesto di partecipare ad alcune prove di moto Enduro, Dual Sport ed Adventure: credevo che mi volessero come fotografo invece si aspettano che faccia il tester… Ne vedremo delle belle 🙂

Chi si ferma è perduto!

In questo ultimo mese il tempo mi sta letteralmente volando.

Sono appena rientrato a Los Angeles e tra poco più di una settimana dovrò già tornare ad Atlanta e poi in Italia. Mi aspettano settimane di fuoco: preparazione per la fiera di Milano per GIVI, Kappa e Hevik, poi sarò alla EICMA dal 7 al 9 novembre, e la sera stessa parto per Bangkok per preparare il GIVI Explorer Golden Triangle Tour 2017.

GIVI Explorer The Golden Triangle Adventure

È un evento annuale dedicato agli importatori GIVI nel mondo, e staremo via in moto per circa 10 giorni: Tailandia, Cambogia, Vietnam e di nuovo in Tailandia. È un occasione perfetta per fare quello che chiamano “team building” e rafforzare la brand awareness del marchio GIVI tra i nostri principali partner globali. Negli anni siamo già stati in Patagonia (io però non c’ero), in Cile a seguito della Dakar, in Sudafrica e in Colombia. Per il prossimo anno mi piacerebbe portare tutti in Baja California, vedremo.

Dalla Tailandia tornerò in Italia per un altro paio di settimane (le solite riunioni di fine anno) per poi rientrare in USA, ma non per molto: a Natale mi prenderò un po’ di vacanza e andrò a trovare la mia seconda famiglia a Grenada, nei Caraibi – Indie Occidentali.

Finito? No!!! Da Grenada mi dovrò poi fiondare indietro in California perché a gennaio inizia il Supercross! Chi si ferma è perduto…

Sono tornato!

Ciao a tutti, eccomi di nuovo in California dopo più di un anno passato in Italia per sviluppare un progetto legato alla comunicazione globale del Gruppo GIVI (marchi Givi, Kappa ed Hevik).

Per tutto il tempo che sono rimasto in Italia non ho mai scritto nulla anche perché WordPress mi ha sempre dato errore al login: adesso ho disattivato tutti i plug-in e almeno riesco ad accedere e postare, ma non riesco ad aggiornare niente perché ricevo subito un errore Internal Server Error, boh???

Comunque qui tutto bene, è bello ritornare a “casa”.

Giuro che d’ora in poi mi farò vivo più spesso, anche perché ho un sacco di roba da raccontare 🙂

Per celebrare l’occasione da oggi ho deciso di regalare il mio eBook “Fotoguerriglia: il ritratto”. Per leggerlo cliccate sul menu in alto a destra e potrete sfogliarlo direttamente da lì.

Una nuova sezione del blog?

Ciao, per dare un po’ una sveglia al blog e renderlo più interessante e “personalizzato” volevo aggiungere una sezione Q&A dove i lettori possano fare delle domande e io o altri lettori potessimo rispondere. In questo modo si potrebbe creare una specie di database o knowledge base che resterebbe disponibile per tutti. In seguito, quando le Q&A dovessero diventare abbastanza, vorrei riorganizzarle per tema. Il problema è che ad oggi non ho ancora trovato un plugin per WordPress che mi permetta di aggiungere la funzione al mio blog senza dover stravolgere tutto. Qualcuno di voi ha dei consigli da darmi? Ciao e grazie!

Quasi un anno!

IMG_9924

Ok, ok… mi scuso con tutti per la lunga latitanza, ammesso che ci sia ancora qualcuno a seguire il mio blog 🙂

Negli ultimi mesi ho girato come una trottola e i mesi che arrivano non saranno meglio: in questo momento sono a Grenada nei Caraibi per una vacanza, ma subito dopo mi aspetta un viaggio in moto in Sudafrica e poi un tour de force tra Italia, Atlanta e Los Angeles, prima di tornare in Florida ed ancora in Italia.

A proposito, a febbraio, dopo essere rientrato da un lavoro alla Dakar in Cile, mi sono trasferito nuovamente in California, tanto per essere sicuro di non mettere mai radici… Ho chiuso lo studio fotografico ad Atlanta ed ora sto con il collega fotografo e giornalista Steve Cox a Chino (sudest di Los Angeles) in attesa di trovare una sistemazione definitiva più vicino alla città.

Per ora non ho altre novità, ma giuro che proverò a farmi sentire più spesso…

Se non puoi sconfiggere il tuo nemico, diffamalo!

Screen Shot 2014-07-12 at 1.03.47 PM

Per me non è più una sorpresa, ma in qualche modo mi da ancora fastidio. La foto qui sopra rappresenta esattamente uno dei modi più meschini di fare pubblicità a sfondo ideologico qui negli USA.

Il banner recita “10 TV Shows che furono degli incubi dietro le quinte”. Fin qui niente di male. Se non che la foto mostra Bill Cosby, uno  dei personaggi pubblici che si è dimostrato più onesto nel  criticare la comunità nera americana. Non indugio in particolari, basta fare qualche ricerca su Google per saperne di più.

La sua presa di posizione lo ha ovviamente relegato ad un ruolo pari a zero nello show business americano, tutto proiettato ormai verso un fasullo e sterile approccio “politically correct” ed una continua ricerca di rendersi amiche le “minoranze” siano esse etniche, culturali o sessuali. Basta però scavare un millimetro sotto la superficie hollywoodiana, tutta luccicante, per scoprire che questa direzione è totalmente a senso unico… ma non mi dilungo.

Quanto la “bollatura” da parte dello showbiz vada volontariamente e chirurgicamente a ledere l’immagine chi chi sta “contro” appare chiaro da questo piccolo banner, pubblicato sulla homepage di Yahoo!

Cliccate sul relativo link  e scoprirete che l’inclusione del Cosby Show è solo per ricordare (diapositiva 23 su 29) come Denise Huxtable, una delle protagoniste secondarie, sia stata licenziata dai produttori dopo essere rimasta incinta. Non vedo nessun “nightmare” qui… o sbaglio? Quando alcune delle storie relative agli altri show fanno al contrario rabbrividire.

Ma il punto non è questo. L’oliata macchina della diffamazione non ha perso l’occasione di usare la faccia di Bill Cosby e uno dei più popolari ed amati TV show al mondo in un contesto negativo, che i lettori “allineati” riconosceranno immediatamente. “Ah certo, quel traditore di Bill Cosby, sicuramente dietro le quinte era un gran…”. E scommetto che nessuno proverà nemmeno a cliccare sul link per vedere quale sia il vero contenuto della storia collegata: la loro idea se la sono già fatta e una breve occhiata al titolo e alla foto basta per confermarla.

Sempre la stessa storia cari miei… Una lezione che si ripete nella storia politica a stelle e strisce: se non puoi sconfiggere il tuo nemico, diffamalo!