Archivi tag: f3af

Nikon F3: la regina

_MG_7542

1980, il mercato per la migliore reflex professionale è ancora in bilico tra Canon, Pentax, Contax e Olympus. A quel punto Nikon, che si era costruita nella guerra del Vietnam una reputazione a prova di bomba grazie alle F, F2 e Nikonos, cala l’asso vincente: la F3 disegnata da Giorgetto Giugiaro. La concorrenza si inginocchia alla nuova regina ed ancora oggi, a mio parere, la F3 rimane la più bella ed affidabile reflex elettromeccanica mai prodotta. Ecco a voi le mie due bambine…

A sinistra la versione base, a destra la versione F3HP con il pentaprisma HP (High Eyepoint) e il motore MD-4. La F3 aveva pulsante di scatto a controllo elettronico, ricarica manuale, attacco ottiche a baionetta F, fuoco manuale, pentaprisma removibile ed intercambiabile (con visore LCD integrato per i dati di scatto), zoccolo flash disassato (sulla manovella del riavvolgimento pellicola), sincro flash a 1/80 sec., tempi da 8 sec. a 1/2000 sec., tempo meccanico a 1/60 sec., posa B e T. Era previsto anche un automatismo a priorità dei diaframmi, coadiuvato dall’esposimetro interno TTL dotato di fotodiodo al silicio (lettura bilanciata al centro 80/20).

La F3 fu introdotta nel 1980, quando ancora la F2 era sul mercato e vendeva benissimo, e fu ritirata nel 2001 (la F4 è del 1988 e la F5 del 1996) dopo aver sfornato milioni di pezzi ed essere in assoluto la fotocamera professionale più venduta di sempre.

Esistono anche il modello F3/T con corpo in titanio, i modelli F3H ed F3P, e la avveniristica (ai tempi) F3AF capace di operare in autofocus con le due ottiche Nikkor AF 80 2.8 e Nikkor AF 200 3.5. Curioso come in questo primo modello in assoluto di autofocus le ottiche fossero dotate di motore interno (come fece Canon 15 anni dopo con la serie USM e la stessa Nikon ancora più tardi con le AFs): sia la F4 che la F5, e tutte quelle “sotto” di loro, avevano infatti il motore all’interno della fotocamera, molto più complicato tecnicamente e sicuramente meno veloce ed efficace.

Per lo scatto qui sopra ho usato il mio solito setup che vedete sotto: un flash 550EX senza modificatore e ricevitore Pocket Wizard Flex TT5 e lettura E-TTL. Corpo macchina Canon 5D in manuale, ISO 50 1/100 sec. a f22 per cancellare lo sfondo. Ottica canon EF 100 Macro 2.8 USM. Trasmettitore Pocket Wizard Mini TT1 con modulo AC3 (impostato a -1/3 stop).

Il pannello di polistirolo mi ha schiarito leggermente il corpo macchina sulla destra, staccandolo dallo sfondo.

IMG_0243