Archivi tag: gallery

Akrapovic Concept Bike

Quando il colosso internazionale degli scarichi da competizione presentò al pubblico americano (Long Beach IMS Show 2011) la sua concept bike lasciò molti appassionati a bocca aperta. Non solo la moto era composta completamente di carbonio, titanio, ergal e materiali nobili, ma era fondamentalmente una “custom”, ovvero quanto di più distante dall’immagine della Casa slovena, famosa per i suoi scarichi racing in Superbike e nel Motocross.

[flagallery gid=29 name=”Akrapovic bike”]

Hip Hop from the ‘hood

Ultimamente mi sto spostando un po’ verso altri campi della fotografia, in particolare il ritratto. Poche settimane fa ho fotografato la coreografa e ballerina di Hip Hop Julianna Akuamoah: le servivano una serie di ritratti per creare un poster, delle locandine e un flyer promozionale. E ovviamente usarli sul suo sito web e nel suo profilo di Facebook. Le sue esigenze erano però ben precise in quanto voleva una ambientazione molto metropolitana e un look che non fosse proprio quello “patinato” e leccato di molte sue colleghe.

Per la location abbiamo girato molto ed alla fine si è deciso per un garage sotterraneo a South Los Angeles, dove abbiamo girato anche un video (magari lo posterò più avanti). La scelta è caduta su questo garage soprattutto per l’ambientazione del video, ma il bel muro a mattoni di calcestruzzo della struttura mi ha dato anche uno sfondo interessante e molto “raw” per le foto.

[flagallery gid=5 name=”Hip Hop”]

Da subito sapevo che avrei lavorato le foto con alcuni dei miei preset favoriti in Lightroom, agendo soprattutto su contrasto, saturazione, colori e vignettatura. La scelta per le luci (due in tutto) è caduta su un piccolo softbox ad illuminare il viso e una luce laterale cruda che mi schiarisse il lato opposto al softbox creando però delle ombre contrastate e desse risalto alla materia del muro di sfondo, sottolineando le fughe dei mattoni. Per questa luce, che era anche la più potente delle due ho optato per un flash in modalità “bare bulb” ovvero con la testa  nuda, senza nemmeno uno schermo o una parabola. Come corpo macchina ho usato la EOS 1Ds MKII con due ottiche: l’EF 70-200L f4 e l’EF 17-40L f4. Impostazione tutta manuale, rapporto tra le luci 1/3 ISO 1000 per avere molto rumore digitale ma non abbastanza da perdere troppo dettaglio. Tempi di scatto attorno a 1/80 e 1/100 di secondo con diaframmi f4 ed f4.5

Tributo

La mia prima macchina fotografica “seria” (ovvero reflex) è stata una Yashica 107 Multiprogram, acquistata nell’estate del 1989. Ma i primi progressi li ho fatti dopo essere passato alla Nikon FM2 new (completamente manuale, le versione con sincro flash a 1/250 e otturatore con tendina in titanio a nido d’ape) quello stesso autunno. Dopo 20 anni mi sono rimesso in caccia su eBay per ricomprare una di queste reflex, ma ho scoperto che tutt’oggi hanno delle quotazioni che sinceramente mi sembrano sproporzionate.

Mi sono allora rivolto ad una più anziana FM, la capostipite, con tanto di magnifico obiettivo Nikkor Ai 50mm 1.4

Ecco il mio tributo:

[flagallery gid=6 name=”Tributo”]