Archivi tag: suzuki

Anaheim 1 Blues

Ogni anno per me la prima gara del Supercross americano è un vero e proprio incubo.

L’entusiasmo per la ripartenza del campionato più bello del mondo (altro che la Serie A) e la curiosità di vedere le nuove accoppiate moto-pilota per la stagione sono presto cancellati dalla consapevolezza dell’enorme massa di lavoro che mi aspetta per Motociclismo FUORIstrada. In tre giorni devo seguire la conferenza stampa di apertura campionato, fare le foto a tutte le moto principali, seguire la gara, fare le foto della gara e quelle di contorno, azzeccare la copertina (che a Febbraio è tradizionalmente dedicata al Suprecross), scrivere il pezzo principale, scrivere le descrizioni delle moto e, per finire, scrivere la mia colonna mensile “USA Planet”. Inizio alle 9 del giovedì mattina e finisco attorno alla mezzanotte della domenica sera, praticamente senza fermarmi mai.

_P4E0141

L’unica cosa che mi pesa veramente come un macigno è fare le foto delle moto. La trafila è estenuante e sempre la stessa: il giovedì si implorano Team Manager e meccanici per aver a disposizione le moto per cinque minuti il giorno dopo, il venerdì si scatta dall’alba al tramonto e alla sera si preparano e caricano le foto sul server di Motociclismo, tipo 300 foto in alta risoluzione.

_P4E0277

Per la realizzazione degli scatti, invece, la procedura è sempre la stessa. Da anni collaboro con Frank Hoppen ma questa volta Frank non c’era per via del suo recente incidente in MTB (si sta riprendendo…) quindi ho lavorato da solo, aiutato da un assistente di Hoppenworld.com e avendo a disposizione il formidabile set di luci Profoto che Frank usa normalmente. Il setup è generalmente sempre lo stesso, con due luci disposte ad angolo retto e a circa 3 metri dal centro della moto. La potenza in questo caso è fondamentale, per poter “vincere” il sole e avere la luce ambiente sottoesposta da 2/3 a 1 stop rispetto alla moto in primo piano, in modo da farla spiccare. Parliamo di 1200W a luce…

_P4E0250

Setup macchina: Canon EOS 1 Ds MKII, ISO 50 (L), tempo di scatto 1/250 sec., canon EF 100 2.8 Macro a f8.

_P4E0105

Ritratto: il viso non sempre definisce il soggetto

_Z9W2089

L’anno scorso, in occasione del Supercross di Atlanta, il pilota italiano Angelo Pellegrini è venuto a correre la gara e Motociclismo FUORIstrada mi ha commissionato una intervista di alcune pagine.

Per le immagini avevo bisogno di qualcosa che andasse oltre la solita foto con la moto, che vedete sotto, e le immagini in azione durante la gara e le prove. Mi è venuta l’idea di ritrarre Angelo non solo per la grande persona che è (un mito!) ma per quello che rappresenta e per quello che lo definisce. Angelo è uno dei pochissimi piloti italiani ad essere mai venuti qui a correre, nella competizione più difficile e nell’ambiente più ostile a cui rapportarsi quando il motocross è la propria professione. Per questo ritratto ho dunque scelto di mostrare la sua licenza AMA di corridore, un passo fondamentale e un documento del tutto unico, che in pochi europei possono vantarsi di avere mai ottenuto.

Per lo scatto ho chiesto ad Angelo di tenere la licenza sollevata davanti al suo viso, che ho usato come sfondo. Per avere la minima profondità di campo e il massimo contributo dello sfuocato ho usato un Canon EF 50mm f1.4 USM su un corpo Canon EOS 5D.

_MG_5811