Archivi tag: viaggi

Lightroom CC Auto Tone Preset

La vista dalla mia stanza d’albergo a Daytona, in una giornata uggiosa verso sera: ho semplicemente applicato il Preset Auto Tone (Lightroom General Presets) in Lightroom CC e devo dire che il risultato mi ha sorpreso!

IMG_2270

Ecco come appariva la JPG nuda e cruda (Canon EOS SL1 e Canon zoom EF 20-35 3.5~4.5 USM – zoom 35mm, 1/60 sec a f5.0 ISO 160)

IMG_2270

Atlanta, GA – Lake George, NY – Atlanta, GA

Fervono i preparativi, in vista del mega Coast to Coast di quest’estate. Per “allenare” il fondoschiena lunedì mattina parto per andare fino quasi in Canada, precisamente a Lake George, nella parte nord dello stato di New York.

Screen Shot 2013-05-29 at 11.45.31 PM

La moto questa volta non sarà la mia fida Yamaha XT600E ma una BMW R1200GS del 2011, accessoriata di tutto punto. Destinazione? L’Americade Rally, il più grande raduno americano di Honda Gold Wing, che da qualche anno si è allargato a tutte le altre marche e modelli di moto. Un totale di circa 2,120 miglia/3.400 km tra andata e ritorno: spero solo di non prendere troppa pioggia…

Turismo USA omogeneizzato…

Hilton Head Island, South Carolina – agosto 2012

Dopo aver fatto un po’ il giro della maggior parte delle località marittime degli USA (Coronado, La Jolla, Huntington, Laguna Beach, Santa Monica, Malibu, Pismo Beach, Morro Bay, Monterey, Biloxi, Gulfport, Daytona Beach, Fort Lauderdale, Key West, South Beach Miami, ecc.) sono giunto a una conclusione: qui è tutto uguale!

Nel senso che ovunque tu vada – West o East Coast, oppure nel Sud o sul Golfo del Messico, il filo conduttore è sempre lo stesso. Catene di ristoranti con lo stesso nome e lo stesso menu, bar e locali fatti con lo stampino e lo stesso chitarrista che smiagola stonato, spiagge e baracchini di chincaglieria sempre uguali, addirittura con le stesse scritte usando lo stesso carattere e colore!

Credo sia una cosa molto americana, ovvero standardizzare in modo da mantenere tutto molto familiare e “conosciuto” e non creare troppi traumi per le menti di una popolazione in fondo abbastanza “semplice e reggimentata” che si sposta ma non viaggia, guarda ma non vede, sente ma non ascolta.

E sebbene l’esperienza vacanziera qui sia molto più godibile che in Europa (soprattutto a livello di infrastrutture) credo proprio di preferire il caos spagnolo, la spocchia francese, la cupidigia italiana, il muto risentimento sloveno o il lassismo greco. Accetto tutto ben volentieri, basta che mi si lasci godere di quanto di unico ed irripetibile ogni nazione europea sa offrire!